giovedì 6 settembre 2018

mercoledì 5 settembre 2018

Questione di standard.


Buongiorno amica!! Oggi ti voglio parlare di un argomento che mi sta molto a cuore, che è quello degli “standard”. Sono andata a vedere sul dizionario la definizione esatta ed ecco cosa ho trovato:

1 Modello di riferimento a cui ci si uniforma; complesso di norme per la fabbricazione di un prodotto
2 Tenore, livello qualitativo; prestazione abituale: lo s. di un atleta.

Mi voglio riferire, naturalmente a questa seconda definizione. Una frase di Tony Robbins mi colpì moltissimo tanti anni fa, ed è la seguente "Se vuoi migliorare la tua vita devi alzare i tuoi standard!" 

Prima di partorire, lessi tantissimo su come facilitarmi la vita durante il puerpuerio (cioè i primi 40 giorni), universalmente considerato il periodo più duro. Uno dei consigli che trovavo più spesso era questo:“Riempite il congelatore di cibi pronti tipo lasagne, sformati e la dispensa di cibi pronti da cuocere perché non avrete il tempo di cucinare”. 

 A casa nostra non ci sono mai stati cibi pronti, ma decisi di ascoltare questo consiglio, e acquistai dei risotti istantanei, tortellini e ravioli già pronti. Ebbene, anche dopo la nascita di Daniel, io e Tiziano continuammo a preparare le nostre semplici insalatone, la carne bianca, i formaggi magri, a mangiare frutta e verdura e pesce in quantità, insomma la nostra solita routine alimentare. Ti dico la verità a volte ho sofferto la fame perchè mi è capitato di non essere riuscita a fare la spesa e di non avere nemmeno un pezzettino di formaggio nel frigo! :-D

Il risultato è stato però che ogni pranzo, cena e spuntino sono stati fatti seguendo i nostri principi. 


Un giorno mi incavolai moltissimo con mio marito perché. pur di andare a comprare il salmone fresco, mi lasciò sola con Daniel all'ora del bagnetto. AARRGHH!! Ma quando hai un certo standard di vita, è veramente difficile allontanarsene. 

Hai già capito vero?...quei risotti e quei tortellini sono rimasti li per mesi finche li ho dovuti buttare via! 

I risultati sono fatti di  piccole azioni quotidiane ripetute e ripetute che diventano abitudini.

Alza anche tu i tuoi standard. 
Lascia stare i "vorrei" e occupati di fissare delle nuove "norme" su come vivere la tua vita. 

Quando quella cosa diventa un must, non vedrai altra soluzione oltre a quella. Se al momento non hai il corpo che vuoi, non hai l'energia che ti serve per vivere la tua vita al meglio, probabilmente devi cambiare i tuoi standard e alzare i limiti, alzare l'asticella! Lo step successivo sarà poi quello di creare dei nuovi rituali, allineati ai tuoi nuovi standard, e questi rituali ti porteranno ai tuoi obiettivi.
 
"La nostra vita è un'opera d'arte – che lo sappiamo o no, che ci piaccia o no. Per viverla come esige l'arte della vita dobbiamo – come ogni artista, quale che sia la sua arte – porci delle sfide difficili (almeno nel momento in cui ce le poniamo) da contrastare a distanza ravvicinata; dobbiamo scegliere obiettivi che siano (almeno nel momento in cui li scegliamo) ben oltre la nostra portata, e standard di eccellenza irritanti per il loro modo ostinato di stare (almeno per quanto si è visto fino allora) ben al di là di ciò che abbiamo saputo fare o che avremmo la capacità di fare”da L'arte della vita di Zygmunt Bauman

Al prossimo post! 

Lucia 


Per vedere il video di Tony Robbins in cui parla degli standard vai qui:
https://www.youtube.com/watch?v=vvBuXgciUmc